Mindfulness-Meditazione di Consapevolezza

12240045_1653497124912007_6028595922430017543_n

La Mindfulness insegna a scegliere come rispondere ad un 'evento, invece che essere in balia di avvenimenti inconsapevoli ed incontrollabili, reagendo all'evento in modo automatico e, in questo modo, ci permette di scegliere una risposta più funzionale e benefica per noi.

 La Mindfulness può essere definita come consapevolezza che emerge attraverso il portare l’attenzione di proposito, al momento presente, verso il dispiegarsi dell’esperienza, momento dopo momento, senza venire travolti da giudizi o idee preconcette e aspettative (Kabat-Zinn, 1990, 2005).

 

La Mindfulness è una Meditazione di Consapevolezza, consta di un insieme di tecniche, che mirano ad acquisire un metodo per divenire consapevoli di ciò che avviene, dentro di noi e fuori di noi, momento per momento.

 

Intorno a noi e dentro di noi, vi sono accadimenti continui, viviamo nell’impermanenza, ovvero in una condizione di cambiamento perenne ma, solitamente, non siamo consapevoli di questi continui mutamenti.

 

Può accadere, ad esempio, che il nostro umore cambi o che avvertiamo una sensazione fisica spiacevole o che ci ritroviamo in preda ad uno stato d’ansia, senza renderci conto di come ciò sia avvenuto, ovvero degli avvenimenti accaduti in noi che hanno portato alla formazione di quello stato interno.

La Coscienza Testimone

La Mindfulness, fornisce un metodo con cui allenare una funzione che può essere chiamata la “Coscienza Testimone”, l’ “Io Osservante” o l’ “Osservatore Neutro”, che permette di essere sempre più consapevoli di questi accadimenti interni in continuo mutamento.

 

La Coscienza Testimone, è una componente della coscienza che osserva il contenuto della propria esperienza da una certa distanza e accetta quello che c’è così come si presenta, senza giudizio, interpretazione o tentativo di modificarla. Attuando questo passetto indietro rispetto agli accadimenti interni, ai contenuti della mente, è possibile didisentificarsi da essi, osservarli tramite la Coscienza Testimone ed intervenire su di essi.

 Rispondere o Reagire ad un evento

E’ possibile scegliere come rispondere all’evento, invece che essere in balia di avvenimenti inconsapevoli ed incontrollabili, reagendo all’evento in modo automatico e, in questo modo, scegliere una risposta più funzionale e benefica per noi.

12240045_1653497124912007_6028595922430017543_n

Ad esempio, se una persona a me cara dice qualcosa che mi ferisce, potrei non rendermi conto dei pensieri che ho prodotto in seguito a quella frase, dei significati che gli ho attribuito, degli eventi del mio passato cui si collega, delle ripercussioni a livello emotivo che si sono prodotte, di come tutto ciò si è tradotto nel mio corpo ecc…Potrei accorgermi soltanto di una o due componenti di questo processo, ad esempio, sentendomi improvvisamente triste o arrabbiato (componente emotiva) o avvertendo un bruciore a livello della bocca dello stomaco (componente fisica) e non sapermi spiegare perché ciò è avvenuto, poiché non riesco a collegare, la sensazione attivata, al processo che la ha prodotta. Questa non consapevolezza del processo interno, implica una non possibilità di intervento sul processo stesso, una non possibilità di scelta, quindi, l’essere in balia degli accadimenti esterni ed interni, l’essere gestiti e agiti dai pensieri, dalle emozioni, dalle sensazioni corporee inconsapevoli, cedendogli un potere su di noi.

 

Con gli strumenti forniti dalla Mindfulness, invece, è possibile allenare la Consapevolezza Testimone ed intervenire sui meccanismi disfunzionali, non benefici per noi. E’ possibile accorgersi dei contenuti che emergono nel qui e ora, disidentificarsi da essi, ovvero fare un passo indietro accorgendoci che non siamo quei contenuti, selezionare quelli a noi benefici e depotenziare quelli che non ci servono o che addirittura ci fanno male.

Qui e Ora

Inoltre, ci dà l’opportunità di imparare a stare nel qui e ora, con quello che c’è. Mindfulness

 

Continuamente, infatti, la nostra mente è ovunque tranne che nel qui e ora. E’ nel passato, nei ricordi, nel futuro, nelle aspettative, nelle preoccupazioni collegate alle aspettative ecc…e, in questo modo, ci priviamo dell’opportunità di vivere l’esperienza presente, qui, ora, in questo momento, lasciando che venga invasa da tutto ciò che era o che, forse, sarà. mindfulness

 

Come già esposto, spesso, tutto ciò avviene inconsapevolmente, cosicché, mentre ad esempio, passeggiamo il cane, invece di essere consapevoli e godere del sole sul viso, dell’aria che accarezza la pelle, degli odori che mi circondano, dei colori intorno a me, dell’affetto e del mio “amico fidato”, penso ai problemi al lavoro, alla discussione con mia madre, alla paura dell’incontro che dovrò avere domani ecc…perdendomi quel momento! E, non solo lo perdo, non ne godo e non utilizzo ciò che mi può dare ma, il mio umore, i miei pensieri, il mio corpo saranno influenzati da tutti i contenuti che hanno invaso quel momento, modificando come mi sento. Non si tratta di non pensare, di bloccare il “vagare della mente”, ma di accorgersi che ciò sta avvenendo, esserne Consapevoli e, gentilmente, riportare l’attenzione al momento
presente. 

 

La Mindfulness in sintesi

come-allenare-la-menteLa Mindfulness, allena a:

  • divenire consapevoli di ciò che avviene, dentro di noi e fuori di noi, momento per momento;
  • sviluppare una particolare funzione che è quella della “Coscienza Testimone” o “Osservatore Neutro”, che si disidentifica dai contenuti e li osserva;
  • focalizzare l’Attenzione su un oggetto prescelto (“ancoraggio”), reindirizzandola ogni volta che la mente viene catturata da altri stimoli;
  • rispondere ad un evento invece di reagire automaticamente ad esso con modalità disfunzionali.
  • stare nel qui e ora senza essere invasi da altri contenuti.

 

Le tecniche Mindfulness sono state applicate con successo a diverse patologie e sono presenti sempre più studi che ne confermano l’efficacia. Per approfondire clicca qui.

Chi sono

Sono Psicologo Clinico iscritta all’Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia, sez. A, al n. 7826.

 

Ho conseguito l’attestato di “Insegnante Mindfulness e Protocollo MBSR di primo livello”, presso il Centro Italiano Studi Mindfulness (CISM) di Roma, attraverso la partecipazione al Mindfulness Experiential /Professional Training.

 

Attualmente proseguo la formazione come specializzanda presso la scuola di Psicoterapia Transpersonale di Milano ed esercito la libera professione di Psicologo Clinico e di Mindful Trainer, in collaborazione con PSI.MED Palermo.

 

Per fissare un PRIMO APPUNTAMENTO di valutazione clicca qui.

 

Per informazioni iscrizioni e prenotazioni ai GRUPPI di PERCORSI DI RISVEGLIO DEL SE’ clicca qui.

 

Commenti

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Il Nome e la Mail sono campi obbligatori. Inserisci il tuo commento qui.